Amare non è un privilegio (o anche cose più pubblicitarie e meno sentimentali)

Si può tranquillamente affermare che l’endorsement definitivo di Obama ai matrimoni gay sia da mettere alla voce campagna elettorale, o pierraggio, o lobbismo. Il presidente sa che oggi conta di più un tweet di Lady Gaga, ma anche solo di un attore minorenne di Glee, che sedici ore di comizi nella Carolina del Sud. E però mi è piaciuto il uozzàpp di un amico, ieri sera, sugli americani nella Milano downtown che gridavano «Gay marriage!». Lo facevano nel paese dei Giovanardi, dei boy-scout che hanno paura del babàu arcobaleno, degli eterni Pacs promessi da gente che all’estero sarebbe progressista quanto un amish, del vanno bene sono i cristianomalgioglismi televisivi, mai il corso quotidiano delle cose. E loro non lo sapevano, ripetevano il mantra come un claim della Pepsi. E però, come sempre, avevano ragione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: