Dreamers without dreams

Ho finito in piena notte il bel libro dell’amico Vincenzo (di cognome fa Latronico), Ginnastica e rivoluzione, da qualche settimana in libreria edito da Bompiani. L’eredità del ’68 letta attraverso le confusioni no-global/mélo di un gruppo di ragazzi che si trascinano svogliatamente nell’estate parigina di sette anni fa, alla vigilia del più insanguinato dei G8. Lampi dei Dreamers di Bertolucci (che film) per tratteggiare una generazione incantata su se stessa, con un passato solo virtuale alle spalle e senza futuro davanti agli occhi, nell’attesa di «qualcosa di rigenerante, di imprevisto e di totale» che forse non arriverà mai. Oltre che precari, noi ragazzi degli anni Ottanta siamo diventati dei sognatori senza sogni. Sarà l’immedesimazione, ma il romanzo si legge d’un fiato. Anche perché, parafrasando Alberto Fortis, Parigi e Vincenzo sono davvero una bella accoppiata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: